Sri Lanka

Dal 4 all’11 novembre, insieme ad alcuni amici, ho avuto la fortuna di visitare lo Sri Lanka, anche chiamato “la lacrima dell’India” per la sua forma particolare. La prima cosa che colpisce di questo paese è senza dubbio la natura lussureggiante: piante e animali non passano inosservati, come non notare le simpatiche scimmie e i maestosi elefanti? Molti sono i siti importanti dal punto di vista storico/culturale.

Primo tra tutti Sigiriya, una fortezza bellissima costruita sopra una roccia monolitica che sorge nel cuore della giungla e che non poteva che essere riconosciuto come patrimonio mondiale dell’umanità. La guida del posto ci ha raccontato un aneddoto curioso sulla costruzione fortezza. Sembra infatti che sia stata fatta costruire da re Kashyapa alla fine del V secolo d.c., che arrivato nella giungla fu colpito dalla bellezza del monolito e decise di costruirvici la sua residenza. Ma non solo per questo: il re era un tipo piuttosto sanguinario, uccise il padre e costruì la fortezza anche per proteggersi dalla vendetta del fratello, il legittimo erede al trono.

Questo è uno dei luoghi suggestivi dello Sri Lanka, ma molte altre sono le méte da visitare: Polonnaruwa, che si contraddistingue per i templi Indù e Buddisti; Dambulla che con le sue cinque grotte è la più vasta aerea di pitture rupestri di tutto il mondo; Kandy, la città sacra dove è conservato il dente di Buddha; Nuwara Eliya (o Piccola Inghilterra) che ricorda, coi suoi bungalow in stile coloniale, la campagna inglese; Pinnawala che ospita l’orfanotrofio di elefanti. Un viaggio che rimane nel cuore anche per i colori di pietre preziose e batik ed i sapori delle spezie e dei the!

Login

Orari di Apertura

Lunedì-Venerdì
9.00 – 12.30 15.00 – 19.00

Sabato
su appuntamento